Home / Il Convento / Riflessioni /

La Provvidenza

  • 29 ottobre 2016

Diverse sono le forme che assume la devozione popolare che ha accompagnato e accompagna i credenti nei diversi percorsi di fede. Queste devozioni affiancano la liturgia della Chiesa come “luogo di creatività” che lascia alle diverse culture e sensibilità, al corpo e ai sensi, uno spazio e una libertà che la Liturgia  tende invece a regolamentare, per garantire a tutti una univoca comprensione e condivisione dei gesti della fede.

La devozione alla Madonna della Divina Provvidenza nasce appunto come devozione popolare nel 1732, quando il popolo romano cominciò a venerarne la bella effigie esposta nella nostra chiesa di San Carlo ai Catinari. Nel 1744 poi, Benedetto XIV (+1758) concesse alla Congregazione dei Chierici Regolari di San Paolo una messa della beata Vergine Maria, "madre della divina Provvidenza" e l'istituzione di una confraternita. Da allora, numerosi pontefici, da Pio VII a Giovanni Paolo II, hanno voluto recare personalmente alla Madonna della Provvidenza l'omaggio della loro pietà. È noto poi che numerosi Santi e Beati hanno messo sotto la sua protezione molte opere di assistenza o beneficenza.

Sotto questo titolo si onora la missione che Dio, la cui provvidenza tutto dispone secondo un disegno di amore, affidò alla beata Vergine affinché fosse Madre di Cristo. Per la Provvidenza divina che si è dispiegata nella storia della salvezza, la beata Vergine Maria ha generato il Salvatore del mondo.
È provvida madre degli uomini, che Cristo Gesù le ha affidato dalla croce.
È dispensatrice di grazia: come a Cana di Galilea pregò il Figlio in favore degli sposi, ora, alla destra del Figlio, veglia sulla Chiesa che lotta, che soffre, che spera.

La beata Vergine è chiamata "Madre della divina Provvidenza", perché da Dio ci è stata data come premurosa madre, che ci procura con la sua intercessione i beni del cielo. Noi tutti sorretti dal patrocinio di una Madre così sublime, troviamo grazia e siamo aiutati al momento opportuno e sperimentiamo in ogni circostanza della vita la provvidenza del Padre.

La nostra comunità, vede questa “agilità” della Provvidenza, che si “fa carico” delle vicende umane, anche nell’agire di quanti mettono a disposizione il loro tempo, le loro energie, e perché no, i loro beni...  per sovvenire alle diverse povertà  che affliggono gli uomini e le donne di questo nostro tempo.
Quest’anno il nostro appuntamento, cade Domenica 13 novembre e coincide con la giornata del Ringraziamento. Quando ormai la terra ha consegnato tutti i suoi frutti, noi Barnabiti celebriamo la Solennità di Maria Madre della Divina Provvidenza come giorno del ringraziamento a Dio per tutti coloro che in diversi modi facilitano la sua opera , offrendosi come frutti profumati e maturi, a quanti hanno bisogno di un aiuto.

Per la Comunità, proberto

« Torna a tutte le riflessioni