Home / Il Convento / Riflessioni /

La giornata delle claustrali

  • 18 novembre 2010

-articolo scritto in occasione della giornata di preghiera per la vita consacrata-

LA GIORNATA DELLE CLAUSTRALI

La Celebrazione lunedì prossimo 22 novembre

La vita delle Suore di clausura: una forma di vita sempre contestata, ma che continua a rivivere ancora oggi e ad imporsi con il suo messaggio provocatorio.

Si vedono ancora ragazze che, ponendo alle spalle ogni tipo di prospettiva o progetto semplicemente umani, decidono di varcare la soglia di qualche Monastero e far propria, come impegno di vita, la scelta della Preghiera.

Per esse la Preghiera non si limita a una recita ripetuta di formule o solo a orazioni per ottenere grazie. Per chi fa del pregare una scelta di vita c’è soprattutto il trascorrere tempo dinanzi al SS. Sacramento per una conoscenza più che sia possibile diretta del Signore  e non una conoscenza , per dirla con il profeta Giobbe, “per sentito dire”(Gb 42,5).

Nella zona Pastorale V della nostra diocesi ambrosiana ci sono ben due Monasteri femminili di clausura, uno nella stessa città di Monza in via Italia, delle Suore Sacramentine e un secondo, dello stesso Istituto, nella città di Seregno in via Santo Stefano.

Lunedì prossimo 22 novembre (2010), l’indomani della festa della Presentazione di Maria SS.ma  al Tempio, alle ore 17 , nel Monastero di Monza ci sarà un momento di preghiera presente mons.  Ambrogio Piantanida , Vicario Episcopale per la vita consacrata, nella cornice della Giornata di Preghiera delle Claustrali.

I motivi per una partecipazione corale dei Religiosi, Religiose e Laici di Monza e dintorni sono più che rilevanti: ricordare quelle nostre sorelle claustrali che si distinguono per quell’efficace intervento nei delicati e difficili problemi della nostra città  assicurato da una vita prevalentemente dedicata alla preghiera, chiedere al Signore doni speciali a favore di queste anime consacrate e ringraziarle per la loro presenza tra le nostre case, garanzia  di benedizioni celesti  a beneficio della  nostra civile convivenza.

Padre Michele Triglione

Pubblicato su:
IL CITTADINO di Monza
18.11.2010

« Torna a tutte le riflessioni