Home /

Il Convento

Il primo insediamento monzese dei Barnabiti è lo stesso in cui ancora oggi vive la Comunità religiosa. Il complesso conventuale detto del Carrobiolo ha una lunga storia: fu edificato nel XIII sec. dagli Umiliati, antico e potente Ordine. San Carlo Borromeo nel 1571 dopo aver tentato invano di ricondurre gli Umiliati ad uno stile di vita evangelico li soppresse. Dopo qualche tempo l’ autorità ecclesiastica cittadina con il consenso del Borromeo affidò il convento e la chiesa del Carrobiolo alla nascente Congregazione dei Barnabiti. Da allora i Padri non hanno mai lasciato  Santa Maria al Carrobiolo che non fu abbandonato del tutto” neppure durante le soppressioni dei sec. XVIII e XIX.

Nei secoli l’antica chiesa, ha subito diversi interventi che hanno trasformato radicalmente l’austera aula romanica, nascondendola per sempre ai nostri occhi...peccato diciamo noi oggi!

Della prima fondazione del complesso conventuale appartengono il campanile e naturalmente la chiesa i cui muri perimetrali e la zona absidale piatta mostrano gli originali motivi romanici.

Il Convento invece, non conserva traccia di quel primo insediamento.

Una multiforme presenza :

  • Chiesa di Santa Maria al Carrobiolo : annuncio del vangelo e celebrazione dei sacramenti.
  • Centro Educativo“Il Carrobiolo” : attività educativa a servizio dei minori e dei giovani, dove è possibile vivere coinvolgenti esperienze di volontariato.
  • Ospitalità temporanea per studenti e lavoratori
  • Procultura , Biblioteca : dal 1921 la “Procultura Monzese” dei PP. Barnabiti propone iniziative culturali e di approfondimento. All' associazione è stata affidata la gestione della biblioteca del convento.
  • Teatro Villoresi : il Teatro Villoresi, costruito all'inizio degli anni '30 è uno dei principali teatri di Monza. La cura e la gestione della sala e di tutte le attrezzature tecniche e logistiche sono affidate a personale esperto e volontario, legato alla Comunità dei Padri Barnabiti.

Fede, educazione e cultura hanno da sempre caratterizzato la nostra presenza in città.