Home / Proposte spirituali /

Agenda Giugno 2017

Scarica il volantino

4 DOMENICA  di  PENTECOSTE
O Santo Spirito, che fai nuovo il cuore di ciascuno e della Chiesa, soffia via resistenze e risentimento, appassionaci al bene e alla felicità di ogni uomo, soprattutto di chi è con noi nello stesso luogo di vita e di. Al nostro desiderio frenato di riconciliazione dona oggi di esprimersi con la misericordia che risuscita i fratelli ai nostri e ai tuoi occhi.

6 MARTEDÌ
Festa di San Gerardo dei Tintori , compatrono della città
Concelebrazione dei sacerdoti della città alle ore 10,00 nella Parrocchia di San Gerardo al Corpo

7 MERCOLEDÌ
ore 20,30 Celebrazione eucaristica conclusiva del percorso di Lectio Divina.
Seguirà un momento conviviale in Convento

__________________________________________________

PROPOSTA ESTIVA DEL CENTRO EDUCATIVO CARROBIOLO

DA VENERDÌ 9/6 AL 15/7

PER RAGAZZI DAI 6 AI 16 ANNI DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ.

VEDI www.carrobiolo.it CENTRO EDUCATIVO/CENTRO ESTIVO

centro.avita@gmail.com

Per i bambini delle elementari possibilità di giornate organizzate anche dal 1° settembre fino all’apertura della scuola : se siete interessati, chiedete informazioni agli educatori!!

A tutte le unità dei Gruppi scout Monza 1 e 4 che partiranno per le diverse esperienze estive: buone vacanze, buon campo, buona strada …

__________________________________________________________

11  DOMENICA della SANTISSIMA TRINITÀ
O Dio unico, tre volte Santo, svelaci il mistero di una vita che abbia come unità tanto amore e nessun possesso. Insegnaci a giocarci nelle relazioni che tu stesso ci doni perchè compiamo con amore il nostro cammino pasquale. Aprici al fragile dinamismo della comunione, in cui sempre possiamo esprimere il desiderio di offrire e ricevere amore.

15 GIOVEDÌ Festa della dedicazione della nostra Chiesa
Consacrata da S. Carlo Borromeo il 15 Giugno del 1584 come ricorda la lapide nella navata di destra della chiesa, collocata sopra la porta d’ingresso al convento

18 DOMENICA del SANTISSIMO CORPO E SANGUE DI GESÙ
Processione Eucaristica alle ore 21,00 da S. Biagio al Duomo
Poni sempre sulle nostre labbra, o Padre, una parola che lasci trasparire la verità. Il nostro cuore sappia custodire integra la verità dell’Evangelo affinchè anche la nostra vita sia conforme all’unico comandamento che ci è stato consegnato, quello di amarci gli uni gli altri come Gesù ci ha amato

23 VENERDÌ  Solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù
Un ricordo e un augurio ai Padri Dehoniani, Sacerdoti del Sacro Cuore
Signore Gesù, tu hai aperto a noi i segreti del tuo cuore: il tuo amore per i piccoli, la tua compassione per l’uomo tuo fratello, la tua obbedienza al Padre, la tua mitezza e umiltà. Ora fa’ che questo tesoro  sia per noi fonte di vita e che venga custodito nel nostro piccolo cuore, così da essere rimodellato dai tuoi sentimenti .

24 SABATO NATIVITÀ DI  S. GIOVANNI BATTISTA
Concelebrazione in Duomo alle 10,30 presieduta da Mons. Franco Agnesi
Signore, spesso le nostre labbra rimangono chiuse. Non sappiamo riconoscere la tua presenza in mezzo a noi e annunciarla agli altri. Non sappiamo lodarti per la tua grande misericordia. Non sappiamo rallegrarci condividendo la gioia di altri. Oppure le nostre labbra sono abitate da parole che devono diminuire per lasciar posto alla tua parola. Signore, apri le nostre labbra e deponi nella nostra vita le parole vere della tua grazia.

25 DOMENICA XII del Tempo ordinario
La Santa Messa delle 11,30 sarà presieduta da P. Giovanni Villa che ricorda nella sua città il 50° della sua Ordinazione sacerdotale
Padre, aprici gli occhi perchè possiamo riconoscere e vedere in piena luce la liberazione più nascosta e profonda che tu operi nella nostra vita: nella prova ci liberi dalla paura e dall’infedeltà; nell’esperienza del fallimento ci liberi dalla sfiducia e dalla disperazione; nella morte ci confermi nella vita dello spirito e nella risurrezione di un corpo, di cui persino i capelli sono da te contati e custoditi.

29 GIOVEDÌ Solennità dei Santi Pietro e Paolo
Padre, aprici gli occhi perchè possiamo riconoscere e vedere in piena luce la liberazione più profonda e nascosta che tu operi nella nostra vita: nella prova ci liberi dalla paura e dall’infedeltà; nell’esperienza del fallimento ci liberi dalla sfiducia

2 LUGLIO DOMENICA MILANO SANTI PAOLO E BARNABA
ore  11,00 Professione solenne di 9 giovani Barnabiti

5 LUGLIO MERCOLEDÌ  SOLENNITÀ DI S. ANTONIO MARIA ZACCARIA
Fondatore dei PP. Barnabiti, delle Madri Angeliche,  dei Laici di S. Paolo

Nasce a Cremona nel 1502. Nel 1524 si laurea in medicina a Padova, tornato a Cremona, si accorge che più dei corpi è il loro spirito ad aver bisogno di cure, così, guidato da un Padre Domenicano, suo direttore spirituale, decide di spiegare il Vangelo a grandi e piccoli. Verrà consacrato prete nel 1528. Cappellano della contessa Ludovica Torelli nel Ducato di Guastalla, con lei giunge a Milano nel 1530. Nella grande città, frequentando l’Oratorio dell’Eterna Sapienza, incontra due milanesi sui trent'anni come lui, tra loro cresce una importante amicizia: Giacomo Morigia e Bartolomeo Ferrari. Rapidamente nascono a Milano tre novità, tutte legate all’Apostolo Paolo. Già nel 1533 Antonio Maria con i due amici fonda una comunità di preti soggetti a una regola comune, i Chierici Regolari di San Paolo. Milano li chiamerà Barnabiti, dal nome della loro prima chiesa dedicata a San Barnaba. Poi vengono le Angeliche di San Paolo, suore che vivono fuori dalla clausura. San Carlo Borromeo ne sarà entusiasta, ma il Concilio di Trento prescriverà loro il monastero. Terza fondazione: i Maritati di San Paolo, laici sposati che affiancano i Padri e le Madri nella vita di preghiera e di fraternità come nella predicazione. Per tutte queste originalità, sospettato d’eresia per le riforme introdotte, per il rigore della vita religiosa, le penitenze pubbliche, l’utilizzo della Sacra Scrittura in italiano, è denunciato come eretico e ribelle, Antonio Maria dovrà affrontare il giudizio dell’Inquisizione prima a Milano e poi a Roma: dove verrà definitivamente assolto dall’accusa di eresia. Durante un viaggio a Guastalla, il suo fisico cede. Lo portano a Cremona, dove muore a 36 anni, il 5 luglio 1539.

ore 18,30 Concelebrazione della Comunità -  aperitivo in convento