Home / Proposte spirituali /

Agenda Aprile 2017

Scarica il volantino

2 DOMENICA Quinta di Quaresima
Per la forza della tua Parola che è spirito e vita, o Signore, spezza in noi i lacci della morte. Facci uscire dalle tombe in cui ci nascondiamo, ridonaci la forza di camminare verso la vita senza paura e nella piena libertà. Nella gioia e nella lode canteremo la tua misericordia.

4 MARTEDÌ
Ore 20,30 Via Crucis da S. Biagio con il Sacro Chiodo guidata dal Cardinale Arcivescovo Angelo Scola

4 MARTEDÌ di Procultura
Il cittadino illustre ” di Aston Duprat e Mariano Cohn, Argentina-Spagna 2016

5 MERCOLEDÌ  LECTIO DIVINA
Appuntamento mensile sul Vangelo di Marco
ore 21,00 sala studio della biblioteca

7 VENERDÌ Primo del mese
17,30 Adorazione eucaristica
18,30 Via Crucis

9 DOMENICA  DELLE PALME
Benedizione dei rami d’ulivo in piazza ore 10,00
Padre, in questa celebrazione preghiamo affinché possiamo avere sempre presente il grande insegnamento della passione di tuo Figlio Gesù. Donaci di entrare con lui non solo nella città santa, ma nel suo stesso sentire, nel suo stesso obbedire. In questa mitezza che nessuno esclude dall’amore per sostenere la speranza di tutti.

11 MARTEDÌ di Procultura
Il sogno di Francesco ” di Renault Fely e Arnaud Louvet. Francia-Italia-Belgio 2016.
Alla proiezione delle 21,00 interverrà Frate Alberto Tosini del Convento dei Frati minori di Monza

Si conclude qui la programmazione del Cineforum di ProculturA  2016-2017
ARRIVEDERCI A SETTEMBRE

_______________________________________________________

IL TRIDUO PASQUALE

Siamo disponibili tutti i giorni per le confessioni secondo gli orari stabiliti
“Dio manifesta la sua onnipotenza specialmente nella sua misericordia”

13 Giovedì Santo
Lodi mattutine ore 8,00
Santa Messa in Coena Domini ore 18,30
Padre, l’esempio che Gesù ci dona disegni il nostro più vero volto, plasmi la nostra vita. Lavandoci i piedi gli uni gli altri potremo far circolare tra di noi l’amore stesso con cui il Signore ci ha amato. Un amore fino al compimento, perché desidera compiersi in noi, nel nostro diventare un solo corpo, un solo corpo, il corpo di Cristo, offerta per la vita del mondo

14 Venerdì Santo
Lodi mattutine ore 8,00
Celebrazione della Passione del Signore ore 18,30
via Crucis cittadina ore 20,45 partenza da S. Gerardo
Padre, tu hai consegnato nell’amore il tuo Figlio alle nostre tenebre e perché fossero rischiarate dalla tua luce invincibile, dalla tua vita immortale. Accordaci di volgere lo sguardo a colui che abbiamo trafitto, per entrare nello spazio di quel suo costato aperto e lì trovare la dimora della vita, la gioia del compimento.

15 Sabato Santo
Lodi mattutine ore 8,00
Veglia Pasquale (Santa Messa della notte) ore 22,00
Signore aiutaci a rimanere, con la stessa fede di Maria, nel silenzio dell’attesa di tutti coloro che sono così provati da non attendere più nulla. Facci rimanere presso il loro dolore vegliando il sepolcro del tuo Figlio, nell’attesa di incontrarlo risorto e vittorioso su ogni disperazione

________________________________________________________________

16 PASQUA DI RISURREZIONE
Sante Messe ore 10,00; 11,30; 18,30
Alleluia  Al mattino presto, quando è ancora buio, noi ti cerchiamo, Signore, come a tentoni, riconoscendo tutto il nostro non sapere. Lasciati incontrare, la luce del tuo sguardo illumini la nostra notte, la verità della tua vita nuova e risorta ci strappi dai nostri sepolcri di morte e ci doni di assaporare la gioia di una vita già nascosta con te, in Dio. Alleluia

17 LUNEDÌ DELL’ANGELO
Sante Messe solo alle ore 10,00 e 18,30
Per noi è dolcezza senza fine poter non essere pronti e perfetti davanti a te, Signore risorto, poter stare con i sentimenti più instabili sulla soglia del sepolcro che tu hai lasciato vuoto e in cui noi invece a volte ci attardiamo. Tu che ti lasci riconoscere e scegliere anche se la nostra gioia non è ancora piena né convinta, tu sei la nostra dolcezza senza fine.

22 SABATO Incontro di spiritualità paolino - zaccariana
ore 16,00 con p. Aldo Rizzi p.zza Carrobiolo, 6

23 II DOMENICA  DI PASQUA (o della divina misericordia)
Signore risorto, otto giorni dopo è ancora Pasqua, e noi già disperiamo della tua presenza e siamo impermeabili al dono della tua potenza d’amore. Aiutaci a entrare insieme nel ritmo della ricerca, della memoria, del desiderio, dell’attesa di te. Otto giorni dopo tu torni a visitare la nostra tristezza e noi ti preghiamo: donaci di imparare come risorge l’amore.

Si concede l’indulgenza plenaria alle solite condizioni (confessione sacramentale, comunione eucaristica, preghiera secondo le intenzioni del papa) al fedele che in questa domenica della divina misericordia, in qualunque chiesa o oratorio, con l’animo totalmente distaccato verso qualunque peccato, partecipi a pratiche di preghiera in onore della Divina Misericordia, o almeno reciti, alla presenza del SS. Sacramento dell’Eucaristia, il Padre Nostro e il Credo, con l’aggiunta di una invocazione al Signore Gesù misericordioso (Gesù misericordioso confido in te)

24 LUNEDÌ Giornata mondiale del ricordo del genocidio armeno
Nella notte tra il 23 e il 24 aprile del 1915 i “Giovani Turchi” misero in atto a Istanbul, allora capitale dell’impero ottomano, una serie di improvvisi rastrellamenti ai danni degli intellettuali appartenenti alla comunità armena, in seguito deportati in Anatolia e sterminati. Questo fu il primo atto del massacro degli armeni, che andò avanti silenziosamente per diversi anni, mentre in Europa le grandi potenze erano impegnate a combattere la prima guerra mondiale, e che per questo rimase a lungo dimenticato. Nelle marce della morte centinaia di migliaia morirono di fame, malattia o sfinimento. Altre centinaia di migliaia furono massacrate dalla milizia curda e dall’esercito turco. In quella tragedia trovarono la morte in totale un milione e mezzo di cristiani armeni. Papa Francesco ha definito il massacro degli armeni come il primo genocidio del XX secolo, che ha colpito quella che storicamente è stata la prima nazione cristiana.

25 MARTEDÌ S. Marco evangelista
Le sante messe seguono l’orario feriale

30 III DOMENICA  DI PASQUA
Signore Gesù, la tua Pasqua azzera ogni nostra previsione e mina le certezze e gli entusiasmi della nostra acerba fede. Eppure bisognava che riprendessimo il cammino da soli, per imparare a cercarti quando sembra che non ci sia più niente da cercare. Tranne te, il Signore risorto che ci cerca, ci ascolta, ci ammonisce, ci annuncia l’amore più forte di ogni male.