Home / Procultura /

Statuto del 1921

Statuto del 1921

1. Questa nostra istituzione ha grande importanza nella vita cattolica monzese. Ad essa sono chiamati tutti coloro che dal vero, dal buono, dal bello sono attratti.

2.Scopo quindi principale ed unico è quello di diffondere e difendere il pensiero cattolico servendosi di tutti i mezzi opportuni.

3. E’ diretta da un consiglio di presidenza costituito dal presidente, da consiglieri (almeno in numero di cinque), fra cui è scelto il segretario ed il cassiere.

4. Il consiglio è presieduto dall’assistente (rappresentante del padre direttore dell’oratorio) e dal presidente.

5. Compito del consiglio è di studiare il programma da attuarsi per l’anno accademico e del come realizzare i fondi necessari.

6. I programmi dovranno essere studiati bene sì da essere veramente di grande utilità per i soci e per il pubblico.

7. Il presidente, previo accordo con l’assistente sull’ordine del giorno, indirà di frequente l’adunanza per lo studio e la approvazione di ogni iniziativa.

8. Il segretario si terrà in comunicazione col presidente ed attuerà quanto gli sarà comandato, per le decisioni del consiglio dal presidente.

9. Si provvederà che ogni circolare stampata ed ogni invito a conferenzieri sia fatto su fogli intestati. Porteranno la firma dell’assistente e del presidente.

10. Programmi, circolari, corrispondenze epistolari, verbali, relazioni finali e tutto quello che potrà servire alla storia della istituzione dovrà essere raccolto dal segretario negli appositi raccoglitori del nostro archivio.

11. Tale istituzione porterà il nome di: Pro Cultura Cattolica “Padre Gaffuri”.